Servizio Taxi, Transfer e Noleggio con Conducente | Mazara del Vallo
Taxi

News & Sicilia

Personale di Caterina Giganti

Artisti che mostrano emozioni, riflessioni e attimi della propria vita e del proprio essere.. altri invece che sono “pescatori di vecchi attimi, di vecchie foto” un arte, diversa dalle solite creazioni, un espressione ispirata da emozioni inconsce, de emotività riflesse.. Caterina Giganti sà donare vita a vecchi attimi altrui.. dona storia, futuro ed emozione a chi ha nascosto, conservato o accantonato un attimo remoto.

Tocchi e pennellate che rivivono le emotività altrui.. non dipinge per se, dipinge per le emozioni passate, memorie di momenti vissuti dagli altri attraverso un immagine, uno scatto o una memoria.. ..una pittura che sa di amore materno, di dolce emotività maestrale.. un insegnante nella vita e nell’arte, un attirare l’attenzione su ciò che crediamo tutti sia oltrepassato!

Emozionarsi, per ciò che Lei ha visto e sentito..
emozionarsi per vivere la sua esperienza, provando ad ascoltare il suo dare, leggendo nelle sue rappresentazioni.

Non c’è pennellata che non sia stata sentita e vissuta in merito al suo istinto da “pescatrice di foto” non c’è arroganza, ne tanto meno presunzione.. solo amore verso il suo sentire e verso il suo poter dare.

Le sue opere saranno visibili dal 6 al 12 marzo 2015 presso la Sala Rubino del centro congressi Marconi ad Alcamo (Tp) sita in Corso VI Aprile nella personale di Pittura dal titolo “Dipinto di donna” organizzata e promossa dall’assessorato alla Cultura e alle pari opportunità del comune di Alcamo.
Per l’evento saranno esposte più di 30 opere, la tecnica prescelta è quella dell’acrilico, semplicemente perchè permette all’artista una maggiore espressione emotiva e certezza nella resa delle pennellate.

Opere che narrano storie di antichi volti siciliani, scene di vita comune di una Sicilia rimasta solo nelle vecchie foto, valorizzate da tonalità grigiastre con lievi accenni di colori un viaggio verso ciò che era, ciò che molti di noi hanno conosciuto e che i nostri figli non hanno avuto modo di vedere.

Una mostra che parla di donne, di dipinti e percorsi emotivi da rivivere, rivedere e rivalutare.

Stefania Martinico
Dott.sa in Arti Visive e discipline dello Spettacolo



Condividi questa pagina...